Vita di un influencer: è tutto oro quello che luccica?

L’influencer è la professione del momento. Sì, perché se fatto bene e con intelligenza, quello dell’influencer può effettivamente diventare un lavoro a tempo pieno, soddisfacente e remunerativo. Come si diventa influencer?

Il primo passo per diventare influencer: essere realisti

Come per tutte le cose, anche per diventare un influencer bisogna innanzitutto essere portati. Prima di crearsi delle aspettative e di porsi obiettivi importanti, è necessario essere sinceri con se stessi e capire se si ha la stoffa per questa professione.

Molti ragazzi e ragazze, infatti, aprono un canale Youtube o un account Instagram o Facebook carichi di speranze, convinti di diventare ricchi e famosi in poche settimane e poi si trovano a scontrarsi con una dura realtà.

Ecco quali sono le caratteristiche innate che fanno di una persona un soggetto promettente per diventare un influencer di successo:

  • solide competenze su un determinato argomento, attorno al quale si farà girare tutto il proprio progetto e la propria immagine;
  • ottime capacità comunicative, che comprendono il saper parlare un italiano perfetto e fluente e saper utilizzare correttamente tutti gli strumenti della lingua scritta cioè grammatica, sintassi, costruzione di un testo;
  • simpatia, ironia, eccellenti capacità di rapporto col vasto pubblico;
  • diplomazia e forza di carattere, due qualità utili per sopportare eventuali haters o discussioni.

Che tipo di influencer vuoi diventare?

Esistono due tipologie di influencer: quelli che influenzano il pubblico riguardo oggetti, brand e argomenti e quelli che trattano contenuti. Prima di intraprendere la carriera di influencer bisogna avere ben chiaro a quale categoria si desidera appartenere.

L’influencer di oggetti e marchi si rivolge soprattutto ai suoi Instagram followers e si occupa di:

  • un brand in particolare, postando e parlando al proprio pubblico di tutte le novità a riguardo, mostrando i nuovi acquisti, sponsorizzando i prodotti in uscita;
  • una categoria in generale, per esempio la tecnologia, parlando di cellulari, fotocamere, pc, videogames o di estetica, presentando prodotti di make up o cosmetici;
  • una filosofia di vita, ad esempio creando una pagina che parli di dieta, di alimentazione sana, di fitness, motivazionale.

L’influencer di concetto, invece, ha un approccio diverso e possibilità più ampie, perché:

  • propone argomenti, di qualsiasi genere, dando il suo parere. Può trattarsi di recensioni su serie televisive, talent show, reality, cronaca;
  • spinge i followers a esprimersi ed esporsi sull’argomento del giorno, promuovendo discussioni e interazioni, cercando di coinvolgerli;
  • può spaziare da un argomento all’altro, sempre cercando di scegliere accuratamente tra quelli che rientrano nelle sue competenze.

Chi è l’influencer e cosa fa

Come dice la parola stessa, l’influencer influenza. Spinge il suo pubblico ad acquistare un prodotto anziché l’altro, tramite recensioni e consigli. Mostra oggetti, merce, capi di vestiario, scarpe, prodotti in genere e indirizza i suoi followers verso gli acquisti più validi e intelligenti.

L’influencer crea mode, fa tendenza. Può trattarsi di uno stile di abbigliamento innovativo, di un modo di pettinarsi o truccarsi, di una maniera particolare di vivere o alimentarsi. Mostrando questo al grande pubblico di internet, proponendo le sue scelte e le sue abitudini come positive, stimola le persone a imitarlo.

L’influencer di concetto, invece, è un personaggio istrionico e sociale, che non promuove nulla in particolare ma crea aggregazione. L’obiettivo di questo tipo di influencer è quello di far nascere confronti, discussioni, interazioni. Possiamo dire che è la versione migliorata del blogger. Lui scrive un racconto, esprime un’idea, narra un fatto di cronaca e i commentatori interagiscono.

Come diventare un influencer e guadagnare molti soldi

L’influencer, se riesce a sfondare nel mondo del web, guadagna e guadagna anche bene. Come? Grazie agli sponsor, ai banner pubblicitari, alle collaborazioni con brand importanti.

Se un influencer inizia a fare tendenza, accumulando migliaia di seguaci e di riscontri positivi, le aziende in linea con i suoi contenuti lo contattano per collaborare o farsi pubblicizzare. Da questi contratti si ottengono ottimi guadagni.

Come si diventa un influencer di successo, ambito dalle grandi aziende e con prospettive di guadagno importanti? Ecco 5 preziosi consigli!

1. Sii professionale
Qualunque cosa tu decida di fare sul web ricordati che, potenzialmente, tutto il mondo ti vede e ti giudica. Se vuoi essere credibile devi conoscere molto bene l’argomento che hai deciso di trattare. Non improvvisare, se hai dei dubbi informati, studia alla perfezione il prodotto o l’argomento che vuoi proporre.

2. Attenzione ai contenuti
Se posti un video fai in modo di apparire al meglio del tuo aspetto e rivolgiti al pubblico parlando un italiano corretto, chiaro, scandito. Usa un linguaggio formale, evita l’utilizzo eccessivo delle forme dialettali. Se proponi testi scritti, allo stesso modo, stai attento che siano corretti sia grammaticalmente che sintatticamente.

3. Cura la grafica della tua pagina
La formattazione dei testi, le foto e i video sono elementi importanti ai fini di una buona indicizzazione. Scegli con cura quali contenuti grafici postare, elabora con professionalità fotografie e video e offri al pubblico un prodotto di qualità.

4. Sii attento verso i tuoi followers
La fidelizzazione passa anche attraverso le attenzioni che sai dedicare ai tuoi seguaci. Cerca di rispondere ai loro messaggi, sii cortese, dispensa like ai loro commenti. Falli sentire importanti, fai capire loro che li ascolti, che ti interessi al loro punto di vista e al loro giudizio.

5. Impara a comportarti correttamente con gli heaters
Se diventerai un influencer discretamente conosciuto inizierai inevitabilmente anche a ricevere critiche. Evita lo scontro, l’insulto e qualunque tipo di atteggiamento maleducato verso gli heaters. Ignorali e continua il tuo percorso, senza cadere in provocazioni che ti porterebbero a ledere la tua immagine. Usa l’ironia per smorzare i toni di eventuali liti tra commentatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *