Sciatalgia? Mai sottovalutarla, ecco cause e terapie

Il nervo sciatico grande nemico di tutti, sì perché non c’è una “categoria” di persone più soggette.
Dalla donna in gravidanza allo sportivo, il dolore è spesso continuativo e parte proprio dal nervo sciatico, ovvero dal tratto lombare della colonna vertebrale, attraverso il gluteo, fino ad arrivare al polpaccio e talvolta al piede. Si tratta di una patologia che viene comunemente chiamata sciatalgia.

I sintomi non sono uguali per tutti ed necessario affidarsi a professionisti come fisioterapisti o medici ortopedici e successivamente a massaggiatori che abbiamo partecipato a corsi massaggio riconosciuti, quindi persone competenti e in possesso dei requisiti necessari per svolgere questo delicato compito.

Alcuni elementi chiave per capire se si tratta di sciatalgia sono i seguenti:

  • conflitto radicolare: quando c’è una compressione del nervo in una zona vicina alla radice del nervo stesso. Il dolore o il formicolio saranno più intensi verso il polpaccio o il piede piuttosto che verso la coscia o il gluteo. Qui può esserci formicolio persistente e la perdita di forza.
  • iporiflessia e areflessia: ovvero elementi neurologici segnalati come scarsità o assenza di riflesso mio-tendineo.
  • ipotrofia: la riduzione importante del volume dei gruppi muscolari posteriori alla coscia e i glutei.
  • sintomi che diminuiscono lungo la gamba e quasi svaniscono a livello del piede o della parte terminale del polpaccio, sono sintomatologia di una compressione non alla radice ma estesi al nervo.

Capito il sintomo e identificato che si tratta di sciatalgia si può proporre un percorso di massaggio profondo alternato o assieme allo stretching fasciale. Un buon massaggiatore dovrà anche a capire quale può essere la possibile causa così da risolvere in modo persistente la patologia.
La soluzione generica ottimale è fare dei movimenti ed insegnare anche al paziente a farli affinché questi movimenti aiutino a vascolarizzare il nervo sciatico, senza creare troppa tensione.

L’esercizio classico consiste nello stare seduti su un lettino o un tavolo con i piedi liberi di oscillare. Si estende simultaneamente il ginocchio e la cervicale e poi si torna in posizione di partenza. In presenza di dolori è importante non andare a sollecitare ulteriormente ma è sufficiente diminuire l’estensione del ginocchio, fino a che la tensione non diminuisce e i fastidi scompaiono.

Come detto in caso di dolore che può essere ricondotto al nervo sciatico è importante rivolgersi ad un medico fisiatra o un ortopedico, che possano fare la corretta diagnosi. Successivamente ci si può indirizzare ad un massaggiatore professionista che saprà consigliare un percorso ad hoc per la diminuzione del dolore o curare in modo definitivo.

Nel caso di donne in gravidanza il massaggiatore saprà dare sollievo con un massaggio dolce per contrastare la tensione che il bambino causa nel nervo sciatico. Questo è uno dei casi in cui l’unica reale conclusione della patologia sarà il lieto evento.

Il massaggiatore potrà poi riportare tutte le fasce muscolari che hanno partecipato in una situazione di elasticità e benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *