Quando usare la fascia lombare?

Perché usare una fascia lombare

La fascia lombare è un dispositivo medico che ha lo scopo di proteggere la parte della schiena corrispondente alle vertebre lombari, cioè la zona inferiore del dorso vicino al bacino.

Risulta essere molto utile per chi soffre di mal di schiena, di sciatica oppure di un’ernia al disco. Infatti la fascia provoca una compressione muscolare che consente di limitare le problematiche legate a questo tipo di disagio e che contribuisce a risolvere il mal di schiena.

Inoltre il dispositivo medico viene utilizzato per attenuare i dolori provocati dal mantenimento nel lungo periodo di una postura scorretta. Altri fattori scatenanti del mal di schiena sono il sottoporre i muscoli dorsali a sforzi intensi e improvvisi, seguire una vita sedentaria o uno stile di vita inadeguato.

Proprio per questo motivo i dolori alla schiena e le contratture e gli strappi nella zona lombare sono sempre più diffusi tra le persone che vivono in maniera frenetica oppure non fanno attività fisica. Ecco perché le fasce lombari sono tornate a essere adottate come efficaci soluzioni non farmacologiche.

I vari tipi di fascia lombare

In commercio esistono tanti tipi diversi di fasce lombari e la scelta dipende dal problema che affligge il paziente e dal fattore scatenante. Infatti alcuni prodotti sono studiati per contrastare i disagi provocati dalla sciatica, altri quelli dell’ernia al disco.

Altre tipi di fasce lombari per la schiena sono specifiche per l’uso in palestra o per la pratica di determinati sport (corsa oppure sollevamento pesi), mentre altre hanno un’azione preventiva. In ogni caso il dispositivo deve essere comodo da indossare, non stringere eccessivamente e permettere di muoversi normalmente.

Al tempo stesso bisogna tenere a mente che le cinture lombari si differenziano anche per materiali, altezza, struttura e livello di compressione. La scelta del modello dipende dalle specifiche esigenze del paziente. I prodotti più diffusi sono:

– fascia lombare per la schiena con struttura rigida. Si caratterizza per assomigliare a una specie di corsetto in quanto presenta delle stecche interne con il compito di correggere una postura scorretta e dare un supporto adeguato alla colonna vertebrale. Il livello di compressione viene regolato grazie alle fasce in velcro;

– fascia lombare con struttura morbida. Dona sostegno alla schiena e attenua i dolori puntando ad assicurare una maggiore comodità d’uso e un comfort completo;

– fascia lombare per palestra. Viene consigliata quando si pratica un’attività sportiva dove è necessario proteggere la schiena e i dischi della colonna vertebrale da sforzi intensi. Questi prodotti sono consigliati soprattutto a chi pratica il sollevamento pesi;

– corsetti e fasce lombari a scopo preventivo. Hanno lo scopo di esercitare una compressione muscolare, così da permettere al cervello di reagire in maniera più rapida al verificarsi di eventuali colpi, strappi e movimenti bruschi che possono provocare dolore alla schiena.

Cosa tenere a mente quando si usa una fascia lombare

L’uso delle fasce lombari è stato riproposto negli ultimi anni grazie alle innovazioni in campo ortopedico che permettono di aumentare notevolmente i benefici ottenuti grazie a questi prodotti.

Bisogna tenere a mente, comunque, che è possibile attenuare il dolore e migliorare il proprio benessere psicofisico soltanto usando le fasce e le cinture lombari in maniera corretta e senza abusarne. In caso contrario si hanno effetti negativi più o meno intensi che colpiscono sia il bacino che la schiena.

La recente ricerca francese pubblicata sulla rivista Spine dimostra che l’impiego di questi prodotti ortopedici in modo adeguato permette di alleviare il dolore, migliorare la funzionalità della schiena e di ridurre oppure eliminare la terapia farmacologica a base di antidolorifici.

Si consiglia di:

– usare le fasce elastiche per periodi limitati e quando si verifica un sovraccarico alla colonna vertebrale;
– verificare quali siano le proprie esigenze specifiche;
– non indossare i dispositivi ortopedici dopo mangiato per non rallentare il processo di digestione;
– non stringere troppo;
– indossare le cinture lombari quando si lavora, si sforzano i muscoli della schiena, si fanno lavori domestici o di giardinaggio;
– indossare la cintura quando si viaggia in moto o, se si guida per ore, a metà del percorso oppure quando si comincia ad avvertire il dolore.

Inoltre non bisogna dimenticare l’efficacia della ginnastica terapeutica per migliorare la resistenza dei muscoli e la postura. Si possono eseguire esercizi mirati oppure praticare attività sportive che hanno effetti benefici davvero rilevanti. Tra queste si consigliano lo yoga, il nuoto, il pilates e le tradizionali metodologie chinesiterapiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *