Regole di Seo copywriting

Seo copywriter

Scrivere su internet è un’attività complessa, che richiede tecniche e accorgimenti: anche se tutti possono creare un blog, pubblicare un annuncio o una recensione, aprire un piccolo ecommerce, sono ancora pochi quelli che riescono a farlo bene. Seguire delle piccole regole doro per la creazione dei nostri contenuti scritti può senza dubbio aiutarci a sfruttare al meglio le straordinarie potenzialità che il web ci offre. Oltre a queste regole è fondamentale anche comprendere le fasi seo da svolgere.

6 semplici consigli per un buon copywriting

1. Usa l’Italiano! Un bravo copywriting scrive quasi in modo perfetto o per lo meno si allena anche su questo ambito. Sembra superfluo sottolinearlo, ma la prima regola dovrebbe essere proprio quella di conoscere la lingua in cui si scrive. Molti degli articoli che ogni giorni ci capita di trovare sul web, anche quando sono sicuramente scritti in modo perfetto in ottica SEO (sono fatti, cioè, per piacere ai motori di ricerca), spesso sono da mani nei capelli per quanto riguarda grammatica e ortografia.

Nessuno chiede che i contenuti di un sito vengano scritti da Manzoni o Pavese o da John E. Powers (uno dei primi e più famosi copywriting della storia), ma un minimo di correttezza stilistica ci vuole. Prima di scrivere un post, meglio passare un po di tempo a leggere un buon libro (anche in formato ebook), tanto per capire che la forma non va mai dimenticata.

2.Parla di cose che conosci. Su internet possiamo trovare tutto e il contrario di tutto. Possiamo incappare nel blog di un docente universitario o in quello di una casalinga disperata, e vedere che in entrambi i casi si parla di uno stesso tema, trattato però in maniere piuttosto differenti, ovviamente.

Gli sforzi dei motori di ricerca, negli ultimi anni, si sono concentrati molto sul problema delle fonti, della credibilità e dell’affidabilità di un contenuto (si pensi all’importanza crescente di qualche anno fa della Google Authorship). Per scrivere su internet un buon contenuto prenditi tempo, studia, approfondisci, fatti una scaletta, trova riferimenti precisi (se devi citare, cita il blog del professore e non quello della casalinga).

Il sito non scappa, il vero copywriting è paziente perché deve sfornare contenuti importanti, anche se impieghi un giorno in più per migliorare il tuo pezzo, non succede nulla: anzi, gli utenti premieranno sicuramente i tuoi sforzi con più visite, più condivisioni, più commenti. Ne vale davvero la pena.

3. Rivolgiti al tuo target di riferimento. Chi dovrebbe leggere i tuoi post? Come pensi che gli utenti possano arrivare a te? Cosa vuoi ottenere con il tuo contenuto (visite, vendite, registrazioni, ecc.)? Se non sai rispondere a queste domande, meglio non accendere neanche il computer.

A un click da te ci sono migliaia di concorrenti in grado di conquistare i tuoi lettori potenziali: arriva per primo coinvolgendoli, appassionandoli, emozionandoli. Conosci i tuoi lettori per dar loro la soddisfazione che cercano, altrimenti lo farà qualcun altro.

4. Aiuta la lettura: uno schermo non è un libro. Gli studi sulla curva dell’attenzione e i focus di lettura insegnano: per essere letto, devi aiutare gli altri a leggerti. Dividi il testo in paragrafi, usa bene il grassetto per evidenziare i passaggi che ritieni più importanti, usa gli elenchi puntati e numerati, gestisci gli spazi bianchi: non appesantire lo schermo con blocchi di testo in cui è difficile districarsi sin dal primo sguardo.

Se serve, utilizza altri colori oltre al nero: questo renderà più accattivanti le tue pagine e focalizzerà l’attenzione del lettore dove vuoi tu da subito. Cerca il più possibile di evitare le parole in corsivo e sottolineate: appesantiscono la lettura.

5. Non solo parole: immagini, video, grafici, ecc. Prima di sprecare tempo a scrivere su internet post lunghissimi e ridondanti, ricorda che spesso una immagine vale più di mille parole. Trova sul web le foto che fanno al caso tuo, ed usale.

Youtube è inoltre un miniera di informazioni e contenuti su tutto lo scibile umano: qualcun altro si è già preso la briga di fare un video, montarlo e caricarlo per te, perché non sfruttare questa occasione? Se i concetti che esprimi ti sembrano complessi, disegna una bella infografica di accompagnamento: il web è pieno di strumenti gratuiti per farne una (Infogr.am, Visual.ly, Creately, e molti altri). Il copywriting professionista ha a cuore anche la comunicazione visiva.

6. Al netto di tutto: scrivi. Confermo tutti gli accorgimenti e le regole che ho appena scritto, ma una li sovrasta tutti: continua a scrivere!!! Solo la pratica, infatti, può aiutarti a scrivere bene su internet, a prendere confidenza, ad imparare dai tuoi errori. Se non cominci mai a scrivere, non riuscirai mai a farlo bene.

5 punti da non dimenticare durante la scrittura dei contenuti

I tuoi utenti sono persone

È molto complicato comunicare a persone che non conosci. Proprio per questo devi tentare di conoscere il tuo target il più possibile. Trovalo sui social network e nei forum, impara i suoi interessi e i suoi comportamenti. Guarda quello che fanno i tuoi concorrenti e cerca di capire se può esserti utile. Se non sai da dove iniziare, ricorri già in questa fase ad un professionista che possa farti da consulente, ma ricorda sempre che il primo a conoscere i tuoi clienti non puoi che essere tu.

Non rimanere a corto di idee

La tecnologia e il mondo della comunicazione ti offrono risorse incredibili, e sarebbe un vero peccato non utilizzarle al meglio. Non tutto ti sarà utile, ovviamente, ma prima di cominciare a creare contenuti dovresti conoscere gli strumenti a tua disposizione: infografiche, video, animazioni, articoli, blog, landing pages, pubblicità online, gli esempi non mancano, come non mancano i casi di successo. Quello che devi fare è capire come utilizzare per i tuoi scopi le diverse forme con cui puoi comunicare il tuo messaggio in rete.

Pianifica i tuoi contenuti

Dopo aver capito cosa puoi fare, devi anche aver chiaro quando farlo. Non è il caso di sparare tutte le tue cartucce subito. Una buona campagna di comunicazione va pianificata, lasciando il meno possibile al caso. I contenuti vanno distribuiti nel tempo secondo quantità e qualità, target di pubblico a cui si riferiscono, periodo dell’anno e flussi di vendita associati (nel periodo natalizio, ad esempio, la strategia comunicativa non può che essere adattata al momento).

Crea contenuti d’impatto

Sembra superfluo dirlo, ma i tuoi contenuti devono anche essere belli da vedere. La grafica, la chiarezza, dei contenuti, l’esaustività, la completezza, la creatività, sono elementi decisivi per attrarre l’attenzione su un prodotto o su una promozione.

Coinvolgi gli utenti

Nell’epoca dei social network diventa sempre più imprescindibile puntare sull’engagement degli utenti. Punta su di loro per il passaparola, per diffondere i tuoi contenuti migliori. Aumenta i Mi Piace, le condivisioni, i retweet: questo non potrà che far bene al tuo sito, in termini di traffico, notorietà, attenzione, autorevolezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *